Dove può formarsi un agente di viaggio?

Dic 14, 2020 | Marketing | 0 commenti

La maggior parte degli imprenditori turistici pensa che, la loro attività possa nascere, crescere e prosperare, solo grazie all’amore e alla passione del suo titolare.

Ma per quanto sia importante, come in qualsiasi altro settore, avere amore e passione per quello che si fa, da sole non bastano per avere successo.

Questo modo di pensare è figlio di tre grandi convinzioni (sbagliate):

  1. Molte attività di successo in ambito turistico sono nate a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, un ventennio di forte boom economico ed espansione per questo settore, dovuto non solo della prosperità che c’era in quel periodo, ma soprattutto grazie ad un mercato più semplice da gestire e affrontare, dove non c’era concorrenza (o molto poca) e dove il cliente aveva più capacità di spesa, meno incertezza e paura del futuro. Il classico periodo dove c’era “tutto per tutti”.
  2. Spesso chi entra nel mondo del turismo pensa che, aver viaggiato molto, aver sempre organizzato i viaggi per conto proprio, possano essere dei parametri sufficienti per creare un’attività di successo, come se essere amante della pizza e farla ogni tanto in famiglia, possa equivalere ad essere un pizzaiolo o possa darci certezze di successo aprendo una pizzeria.
  3. Infine va ricordato come gli italiani in generale sono bravissimi tecnici, cioè i migliori nella costruzione di un prodotto, ma non sono invece altrettanto bravi nella comunicazione, nella promozione e nella vendita del prodotto stesso, basti pensare che, oggi la catena di pizza più famosa al mondo sia Pizza Hut che non ha nulla a che vedere con la tradizione italiana.

Queste condizioni di partenza si aggiungono alle forti mancanze formative dovute principalmente a questi quattro fattori:

  1. PERCORSI UNIVERSITARI ASSENTI O NON IN LINEA CON IL MONDO ATTUALE
    Per chi oggi volesse diventare un nuovo imprenditore del turismo e quindi contribuire attivamente al 13% del PIL nazionale, non ha una facoltà specifica di riferimento alla quale iscriversi.
    Sembra che a nessuno interessi formare i nuovi imprenditori del futuro.
    Per capirci meglio se voglio fare il medico studio medicina, ma se voglio sfondare nel mondo del turismo non c’è una facoltà chiara, ma solo corsi o rami universitari di serie B, che ci confermano ancora una volta quanto il nostro settore venga messo in secondo piano nell’economia nazionale.

    Inoltre oggi l’università italiana, non forma i nuovi imprenditori, cioè coloro che vogliono cambiare il mondo del turismo e iniziare quella rivoluzione che noi professiamo da anni.
    Ogni anno continua a sfornare perfetti “soldatini” pronti a sottostare ad un sistema imposto, persone che vengono buttate nel mondo del lavoro non per cambiarlo in meglio, ma per continuare a viverlo in perfetto anonimato.

    Diciamo questo perché entrambi proveniamo dal mondo universitario e quindi siamo consapevoli che quegli anni passati a studiare sui libri, non ci hanno formato per entrare a gamba tesa nel mondo del lavoro come qualsiasi imprenditore dovrebbe fare per lasciare una traccia del suo passaggio, ma per essere i nuovi “invisibili” del sistema.

  2. I NUOVI “GURU” DELLA FORMAZIONE
    Il web è ormai pieno di corsi e corsetti, che spuntano come i funghi o che ti perseguitano con il loro remarketing.
    Sempre più spesso sei attratto dai nuovi “guru” della formazione che si fanno belli dietro a Lamborghini o attici a Dubai per prendersi i loro 5 minuti di notorietà e per influenzare la tue scelte.
    Ma sei così sicuro che sono proprio questi le migliori guide per il tuo futuro?

  3. CORSI PROFESSIONALI TROPPI GENERICI
    Ci sono anche corsi molto validi sul panorama della formazione, tenuti da docenti molto competenti e professionali, il problema è che sono troppo generici per il tuo settore e non ti danno quelle linee guida pratiche di cui hai bisogno per mettere in moto la tua macchina da domani.
    Anche noi in passato li abbiamo frequentati, perché non esistevano percorsi specifici per la formazione turistica e quindi eravamo “costretti” a prenderli perché erano le uniche possibilità, ma di concreto e pratico ci hanno lasciato molto poco.
    L’unica certezza che ci hanno lasciato è stata quella di avere il portafoglio sgonfio una volta fatti con i loro costi a tre zeri.

  4. LA SCUOLA “DEL CAMPO”
    Questa è la formazione che più ci ha dato soddisfazioni in termini di apprendimento, ma è stata anche molto sanguinosa, perché imparare un lavoro sul campo può essere formativo quanto vuoi, ma ti fa perdere tantissimo tempo, denaro, ed energie.
    Perché quando non c’è nessuno che ti guida e ti indica la strada corretta, sei costretto a provarle tutte, prima di trovare quella giusta.
    Questo determina un dispendio incredibile di tempo, perché hai bisogno di testare tutte le possibili soluzioni per trovare la migliore.
    Più test fai più investimenti devi apportare alla tua attività e di conseguenza devi avere le spalle ben coperte, cosa che oggi pochi hanno soprattutto alla luce dell’ultimo anno.
    Questo spesso provoca scoramento, soprattutto se non s’imbocca subito la strada corretta, che si aggiunge all’impossibilità di provare altre strade, se le prime non dovessero portare i risultati sperati, per mancanza di risorse.

Da tutto questo nasce TRAVEL AGENT ACADEMY®, cioè dal vissuto che abbiamo passato in questi anni, da una mancanza forte del mercato, visto che noi l’abbiamo cercata per anni, senza mai trovarla, perché non esisteva.

Oggi TRAVEL AGENT ACADEMY®, fonda la parte teorica, all’applicazione pratica quotidiana sul campo, con risultati dimostrabili dai suoi fondatori e dai loro studenti.

Il tutto rivisto in un’ottica moderna, in linea con i tempi che stai vivendo e con quelli che verranno, perché saranno proprio i prossimi anni a determinare i cambiamenti più drastici nel mondo del turismo.

La visione di TRAVEL AGENT ACADEMY® è quella di:

  • Trasformarti nel nuovo imprenditore del mondo del turismo, perché troppo spesso abbiamo visto persone mollare il loro sogno per mancanza di competenze tecniche o metodologie sbagliate e non vogliamo più che ciò avvenga, perché tutti devono continuare a lavorare per realizzare i propri sogni.

Per ottenere questo TRAVEL AGENT ACADEMY® ha come obiettivo quello di:

  • Lasciarti un metodo, perché oggi è impensabile fare un lavoro di questo tipo senza averlo, soprattutto se vuoi prosperare con questa attività, un metodo replicabile che ti permetta di risparmiare tempo, energie e risorse, lavorando in qualità.

Spero che questo articolo ti sia servito per avere una panoramica migliore e più esaustiva sul mondo della formazione turistica, per farti capire meglio in cosa si differenzia TRAVEL AGENT ACADEMY® rispetto al panorama formativo nazionale, ma sopratutto per farti prendere la decisione migliore per il tuo futuro.


Se hai trovato utile questo articolo ti invito a condividerlo il più possibile perché potrebbe aiutare anche altri colleghi che stanno vivendo la tua stessa situazione di incertezza sul loro futuro o di frustrazione non avendo trovato ancora una guida valida per il loro cammino formativo.

Se vuoi approfondire la nostra conoscenza ti invito ad iscriverti al nostro gruppo privato e ti lascio sotto i nostri contatti utili:

Web: https://travelagentacademy.it/
Mail: info@travelagentacademy.it

Pagina FB 
Profilo IG

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments